Logo
Tecniche

Go-Kyo (5 principi)

 

Il Go-kyo (i Cinque Principi o Cinque Gruppi) è il metodo di insegnamento del judo che classifica 67 tecniche di cui 40 classiche piu 27 aggiunte in seguito.

Dopo il 1982 furono aggiunte alle 40 tecniche basilari delle tecniche addizionali. In Italia, il go kyo viene insegnato come base delle conoscenze judoistiche, infatti i gradi inferiori alla cintura nera sono rilasciati in seguito ad un passaggio di cintura organizzati dal club, dove si esgue uno dei 5 raggruppamenti di tecniche in base alle proprie conoscenze.

Il Go-kyo classifica 40 tecniche in 5 classi di 8 tecniche in base alla difficoltà di esecuzione del movimento e alla violenza della caduta. Jigoro Kano selezionò dal ju-jitsu, quelle tecniche che meglio rispondevano a criteri educativi e che non presentavano pericoli per i praticanti. L’attuale formulazione è questa:

 

Primo gruppo (dai ikkyo)

1. De Ashi Barai

2. Hiza Guruma

3. Sasae Tsurikomi Ashi

4. Uki Goshi

5. O Soto Gari

6. O Goshi

7. O Uchi Gari

8. Seoi Nage

 

Secondo gruppo (dai nikyo)

9. Ko Soto Gari

10. Ko Uchi Gari

11. Koshi Guruma

12. Tsurikomi Goshi

13. Okuri Ashi Barai

14. Tai Otoshi

15. Harai Goshi

16. Uchi Mata

 

Terzo gruppo (dai sankyo)

17. Ko Soto Gake

18. Tsuri Goshi

19. Yoko Otoshi

20. Ashi Guruma

21. Hane Goshi

22. Harai Tsurikomi Ashi

23. Tomoe Nage

24. Kata Guruma

 

Quarto gruppo (dai yonkyo)

25. Sumi Gaeshi

26. Tani Otoshi

27. Hane Makikomi

28. Sukui Nage

29. Utsuri Goshi

30. O Guruma

31. Soto Makikomi

32. Uki Otoshi

 

Quinto gruppo (dai gokyo)

33. O Soto Guruma

34. Uki Waza

35. Yoko Wakare

36. Yoko Guruma

37. Ushiro Goshi

38. Ura Nage

39. Sumi Otoshi

40. Yoko Gake

 

Tecniche al di fuori del Go-kyo e proibite

41. Daki Wakare

45. Seoi Otoshi

42. Hikkomi Gaeshi

46. Tawara Gaeshi

43. Obi Otoshi – proibita

47. Uchi Makikomi

44. O Soto Otoshi

48. Yama Arashi

49. Daki Age – proibita

50. Ippon Seoi Nage

51. Hane Goshi Gaeshi

52. Harai Goshi Gaeshi

53. Harai Makikomi

54. Kani Basami – proibita

55. Kawazu Gake – proibita

56. Kibisu Gaeshi

57. Ko Uchi Gaeshi

58. Kuchiki Taoshi

59. Morote Gari

60. O Soto Gaeshi

61. O Soto Makikomi

62. O Uchi Gaeshi

63. Sode Tsurikomi Goshi

64. Tsubame Gaeshi

65. Uchi Mata Gaeshi

66. Uchi Mata Makikomi

67. Uchi Mata Sukashi

68. Ude Gaeshi

69. Te Guruma

 

Tecniche di controllo

Una parte importante del Judo è il combattimento a terra, detto anche “grappling”. Una volta portato a terra l’avversario con una tecnica di proiezione, il judoka può applicare tre tipi di tecniche: una immobilizzazione al suolo o “presa” (osae komi waza), una tecnica di lussazione o “leva” sul gomito (kansetsu waza) o uno strangolamento (shime waza).

Il regolamento sportivo del Judo impedisce di applicare lussazioni che non siano al gomito. Nella difesa personale e nei Kata, invece, si possono utilizzare anche leve ai polsi, alle gambe, alle spalle, al collo sia a terra sia in posizione eretta.

 

Tecniche di immobilizzazione (osae komi waza)

¥ Hon Kesa Gatame

¥ Kami Shio Gatame

¥ Kata Gatame

¥ Kuzure Kami Shio Gatame

¥ Kuzure Kesa Gatame

¥ Kuzure Tate Shio Gatame

¥ Kuzure Yoko Shio Gatame

¥ Makura Kesa Gatame

¥ Tate Shio gatame

¥ Ushiro Kesa Gatame

¥ Yoko Shio Gatame

 

Tecniche di leva articolare (kansetsu waza)

¥ Ude Hishigi Ashi Gatame

¥ Ude Hishigi Hara Gatame

¥ Ude Hishigi Hiza Gatame

¥ Ude Hishigi Juji Gatame

¥ Ude Hishigi Ude Gatame

¥ Ude Hishigi Waki Gatame

¥ Ude Garami

¥ Ashi Sankaku Garami

 

Tecniche di strangolamento (shime waza)

¥ Gyaku Juji Jime

¥ Hadaka Jime

¥ Kata Ha Jime

¥ Kata Juji Jime

¥ Koshi Jime

¥ Nami Juji Jime

¥ Okuri Eri Jime

¥ Ryote Jime

¥ Sankaku Jime

¥ Sode Guruma Jime

¥ Tsukkomi Jime

 

 

Logo Facebook Logo Isntagram Logo Twitter

©Judo Club Sassuolo 2016